survival internationalQuasi l’80% dei membri di una tribù recentemente contattata in Perù è stato colpito da avvelenamento da mercurio, suscitando serie preoccupazioni circa il futuro della tribù. Un bambino che mostrava sintomi compatibili con quelli da avvelenamento da mercurio è già deceduto.

La causa dell’avvelenamento dei Nahua rimane un mistero ma gli esperti sospettano che il colpevole possa essere l’enorme progetto gas Camisea, che ha aperto la terra della tribù negli anni Ottanta. Il progetto è stato recentemente allargato ulteriormente all’interno del territorio nahua, scatenando la forte opposizione degli indigeni.

Un’altra potenziale causa dell’avvelenamento da mercurio potrebbe essere l’estrazione illegale di oro, che dilaga nella regione.

Da quando sono stati contattati, i Nahua – che vivono all’interno della riserva degli Indiani isolati nel sud-est del Perù – hanno iniziato a soffrire anche di infezioni respiratorie acute e altri problemi di salute.

Altre comunità indigene nell’area potrebbero essere contaminate dal mercurio, ma non è stato condotto alcun esame. Alcune di queste comunità sono incontattate o estremamente isolate. Sembra che i Ministeri peruviani della Salute e dell’Ambiente siano a conoscenza del problema dal 2014.

La AIDESEP, la principale organizzazione indigena dell’Amazzonia peruviana, sta facendo pressione sul governo affinché conduca controlli sanitari completi sui Nahua e le altre tribù dell’area, e affinché indaghi adeguatamente sulle cause dell’avvelenamento. Il Ministero della Salute ha condotto uno studio nella primavera del 2015, ma i risultati non sono ancora stati pubblicati.

La contaminazione da mercurio è estremamente dannosa per la salute umana perché i suoi effetti sono irreversibili” ha affermato il leader indigeno Nery Zapata. “Il dipartimento alla salute deve indagare sulla questione, e fermare la contaminazione che sta avvelenando la popolazione indigena.”

Anche Survival International ha scritto ai Ministri peruviani della Salute e della Cultura sollecitandoli a pubblicare i risultati del loro studio e a mettere fine alla catastrofe.

Le autorità peruviane sono sempre state piuttosto indifferenti ai problemi delle loro comunità indigene, e lo dimostra la loro totale negligenza in questo caso” ha dichiarato il Direttore generale di Survival, Stephen Corry. “Se questo avvelenamento fosse avvenuto a Lima non penso che sarebbero stati così superficiali nel rispondere, o così lenti a pubblicare i risultati delle loro ricerche. È scandaloso che non facciano di più per risolvere questa crisi. E il fatto che stiano nascondendo informazioni al pubblico la dice lunga.

Immagini e approfondimenti—>QUI

Annunci