BBBIn un concerto mozzafiato la Band propone i pezzi che hanno fatto epoca come Lo chiamavano Trinità”, “Italia a mano armata”, Napoli violenta”…

Franco Micalizzi musicista e compositore, negli Anni Settanta firma colonne sonore di film come “Roma a mano armata”, “La banda del Gobbo”, “Il cinico, l’infame, Il violento”, “Lo chiamavano Trinità” lavorando con registi come CorbucciLenzi e Salce ed entrando così in totale sintonia con il filone poliziesco italiano a cui Quentin Tarantino ha dichiarato di essersi ispirato.

Lo stesso Tarantino, gli rende omaggio riproponendo i suoi pezzi originali come colonna sonora del suo nuovo film “Grind House” (2007). Le sue musiche erano perfette per film che si ispiravano alla cronaca nera metropolitana, B movie di grande successo, seguiti e considerati di culto dalla critica più attenta e dal pubblico “cinefilo”.

Alla produzione di questo musicista, che si situa tra i massimi creatori di jazz funk orchestrale di quel periodo, hanno attinto gli artisti hip hop e i DJ dell’ultimo decennio, attraverso il linguaggio del campionamento e l’uso del breackbeat.

Compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra, Franco Micalizzi compie i suoi studi musicali ed inizia poi la sua attività professionale a Roma, sua città natale. Negli agli anni ‘60, in qualità di arrangiatore, collabora con le più importanti case discografiche, affinando il suo stile e completando la sua preparazione professionale. Nel 1970 compone la sua prima colonna sonora, per il film “Lo chiamavano Trinità” di E.B.Clucher, con Terence Hill e Bud Spencer. Questo film che, inaugura l’inizio di una nuova serie di Western all’italiana, decreta l’ingresso di Micalizzi nel novero dei compositori di Colonne Sonore. A questo film ne seguono molti altri, ed é nel 1974 che compone la musica de: “L’ultima neve di Primavera” il cui tema conduttore balza ai primi posti della Hit Parade sia in Italia che all’estero, confermandolo compositore di successo. Tra i film che seguirono ricordiamo: “Il piatto piange” e “Giovannino” di Paolo Nuzzi e “Alla mia cara mamma…” di Luciano Salce ed una nutrita serie di film polizieschi, tra cui: “Napoli violenta” , “Da Corleone a Brooklyn”, “Roma a mano armata” (tutti diretti da Umberto Lenzi), “Delitto a Porta Romana”, “Delitto sull’autostrada” e “Il ficcanaso” (diretti da Bruno Corbucci). Nel 1975 e poi nel 1978, Micalizzi si reca negli Stati Uniti dove compone e registra le colonne sonore di: “Behind the door” (titolo italiano: “Chi sei?”) e “The visitor” (titolo italiano: “Stridulum”).

Franco Micalizzi

Tra le Colonne Sonore da lui composte ricordiamo, inoltre: “Nati con la camicia” e “Non c’è due senza quattro” entrambi diretti da E.B. Clucher con Terence Hill e Bud Spencer. Ed ancora il film di produzione americana come “The curse” (“La Maledizione”) diretto da David Keith con Claude Akins, Will Wheaton e John Schneider. La sua attività comprende anche diverse collaborazioni con la Rai per le musiche di alcune fiction come: “Albert e l’uomo nero” e “Il caso Vassallo”, i 100 telefilm della Serie Televisiva “Passioni” e più recentemente le musiche per il film televisivo in due puntate “Un figlio a metà” regia di Giorgio Capitani con Gigi Proietti. Da segnalare la realizzazione di numerosi dischi di “Background music” utilizzati in tutto il mondo da radio e TV così come dai maggiori produttori di spot pubblicitari. Ricordiamo, inoltre, la sue partecipazioni al varietà televisivo “Domenica In” nel 1979 con Corrado e nel 1986 con Elisabetta Gardini.

Nel 2004, infine, Franco Micalizzi raduna alcuni fra i migliori musicisti dell’ambiente romano e fonda la Big Bubbling Band con cui esegue per la prima volta dal vivo le sue musiche. Da ricordare, in particolare, i concerti tenuti al ROLLING STONE di Milano, al TEATRO PALLADIUM, alla CASA DEL JAZZ ed al VILLA CELIMONTANA Jazz Festival di Roma.

THE BIG BUBBLING BAND è composta da: Donato Sensini (Sax alto), Flavio Ianiro (Sax alto), Davide Grottelli (Sax tenore), Claudio Giusti (Sax tenore), Simone Crinelli (Sax baritono), Sergio Vitale (Tromba), Massimo Guerra (Tromba), Mirko Rinaldi (Tromba), Mike Appleboum (Tromba), Enzo De Rosa (Trombone), Luca Giustozzi (Trombone), Antonio D’Ambrogio (Trombone), Walter Fantozzi (Trombone), Nicola Peruch (Piano), Alfredo Bochicchio (Chitarra), Luca Visigalli (Basso), Giovanni Imparato (Percussioni), Cristiano Micalizzi (Batteria).

All’attivo un nuovo CD “CULT & COLT” CINEMA 70, una nuova registrazione dei pezzi che lo hanno reso famoso nella musica come nel cinema, con la partecipazione di straordinari interpreti come MARIO BIONDI, FABRIZIO BOSSO, IRIO DE PAULA, GIO’ MARINUZZI ed il “rapper” TURI e con gli arrangiamenti originali eseguiti dallo stesso organico orchestrale che propone dal vivo.

Per mettersi in contatto con Il Maestro Franco Micalizzi e avere maggiori info sulla Big Bubbling Band, rivolgersi al suo ufficio stampa Lisa Bernardini (Mobile 347-1488234 – occhiodellarte@gmail.com).

Annunci